2012 ritorno al corsetto

Il corsetto è sempre stato nell’immaginario collettivo un capo di abbigliamento femminile dal gusto particolarmente peccaminoso.
Indossati sia dalle cortigiane che dalle donne di corte, i corsetti, o bustini, in realtà entravano a fare parte anche dell’abbigliamento comune delle signore secondo i dettami di una moda che perdurava fin dal Sedicesimo secolo.
Stringendo con forza il busto e la vita del corpo femminile, il corsetto conferiva alle donne che lo indossavano un aspetto da eterna adolescente, con il vitino da vespa e la linea della schiena dritta, rispecchiano dunque l’idea di una figura verginale.
Dall’epoca moderna ad oggi, con varie alternanze a seconda delle mode del tempo, il corsetto si è guadagnato il podio tra i capi di abbigliamento considerati maggiormente eleganti e preziosi, conquistandosi inoltre un posto di privilegio tra le mise delle più importanti star del mondo dello spettacolo.
Da quando Dolce&Gabbana hanno dato il via alla lingerie a vista, producendo alcuni dei più bei corsetti mai visti nel mondo fashion, artiste come Madonna, Jennifer Lopez, Rihanna, solo per citarne alcune, hanno fatto a gara per indossare nei vari show questo capo di lingerie sensualissima.
Non solo celebrities, ma anche molte donne comuni, al punto che la Bbc ha stimato che il corsetto ha visto un aumento del 50% delle vendite negli ultimi anni.
Se il corsetto di un tempo, quello autentico che indossavano le nostre nonne, era dotato di rigide stecche a sorreggere il seno e lacci che stringevano la vita fino quasi a smettere di respirare, oggi le variazioni a questo modello sono molteplici e tutte garantiscono lo stesso risultato su un portamento perfetto. Per altro, è dimostrato che bloccare la colonna vertebrale e fasciare il busto in modo eccessivo non fa bene alla salute.

Commenti disabilitati.